Cosi scrivevano. Lettere di militari nella prima guerra mondiale PDF

Lpgcsostenible.es Cosi scrivevano. Lettere di militari nella prima guerra mondiale Image

Abbiamo conservato per te il libro Cosi scrivevano. Lettere di militari nella prima guerra mondiale dell'autore Giulio Giordano,Rebecca Sansoé in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web lpgcsostenible.es in qualsiasi formato a te conveniente!

AUTORE: Giulio Giordano,Rebecca Sansoé

NOME DEL FILE: Cosi scrivevano. Lettere di militari nella prima guerra mondiale.pdf

ISBN: 9788868981785

DATA: 2018

DESCRIZIONE

Si stima che durante la prima guerra mondiale circolassero circa 3 milioni di lettere al giorno, in maggioranza scritte da militari, spesso semianalfabeti. Chi sono questi soldati che la guerra trasforma in scrittori? Quali vissuti possiamo scorgere tra le loro parole? Da queste domande è nata l’idea di racchiudere in un unico testo, organizzato per temi, gli scritti di centinaia di militari provenienti del Piemonte rurale alpino e prealpino durante la Grande Guerra... In questa raccolta di epistolari privati di soldati partiti dai monti e dalla pianura del Piemonte durante la prima guerra mondiale e dalle corrispondenze indirizzate al pastore valdese di Pramollo, Giulio Giordano e Rebecca Sansoé presentano vissuti e vicende personali che tuttavia compongono una narrazione collettiva, composita e sfaccettata, uno spaccato storico-culturale della società dell’epoca in un periodo drammatico della nostra storia.
INFORMAZIONE

PDF Operai e contadini in trincea: lettere, diari e racconti

martedì 9 Aprile | 17.30 - 19.30. Presentazione del libro Così scrivevano.Lettere di militari nella prima guerra.Il volume di Giulio Giordano e Rebecca Sansoé presenta una significativa raccolta di corrispondenza di soldati della prima guerra mondiale, durante la quale circolano quattro miliardi di lettere, uno degli aspetti di quella guerra che coinvolge masse immense di militari e civili.

Parole in trincea. La memoria della Grande Guerra nelle ...

Nella tregua di un momento, che si dovrebbe riposare, si muovono a cento a cento. E' inutile spargere tanto sangue». Lettera di soldato trezzese dai campi di prigionia nemici (Archivio famiglia Bassi - Trezzo) Il 13 marzo 1916 Carlo testimonia la vita militare sulle nevi del Palombino.

LIBRI CORRELATI